Legge 104, è possibile richiederla online?

Legge 104, è possibile richiederla online?

Richiedere che la Legge 104 venga applicata può voler dire attraversare una procedura che può essere più o meno lunga anche a seconda della volontà del paziente, e per chi soffre di problemi di salute può essere soprattutto difficile recarsi nei vari luoghi previsti per portarla a termine. È possibile sbrigare la pratica online?

In primo luogo bisogna precisare alcune cose. Portare avanti l’iter per la richiesta della Legge 104 attraverso i sistemi online è certamente possibile, ma non la si può sbrigare interamente per via telematica: infatti il primo passaggio per dare il via all’iter prevede che ci si rechi dal medico curante perché questo rilasci un certificato da spedire all’Inps (con apposito modulo e protocollo) e che allo stesso tempo ci lasci una ricevuta di quanto fatto, che ci servirà nelle parti successive della procedura.

Legge 104, ecco l’iter da seguire

In questo caso recarsi dal medico curante, a meno che non ci siano strade alternative da concordare direttamente con lui – soprattutto se conosce la gravità del caso – è imperativo. Svolgere l’altra parte della procedura invece è sicuramente possibile attraverso i “Servizi per il cittadino” online dell’Inps. Registrandoci al sito dell’Inps potremo ottenere il pin utile per poter poi inoltrare la domanda, facendo uso del certificato del medico. Se non siamo registrati (tenendo a mente quello che deriva iniziare a portare avanti la procedura di registrazione) non avremo la possibilità di avviare questo tipo di iter.

A questo punto il resto dovrà essere svolto attraverso l’ASL, compresa la visita del medico che si occupa della questione. Se però vogliamo svolgere le procedure online, è possibile che sia perché non possiamo muoverci: in tal caso è sufficiente chiedere espressamente, al momento della domanda, che il medico si rechi presso il nostro domicilio a causa dell’impossibilità di movimento o le condizioni di salute. In questo modo minimizzeremo gli spostamenti.

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *