Leggi anche

Legge 104 e il tagliandino parcheggio per i disabili: come richiederlo

Legge 104 e il tagliandino parcheggio per i disabili: come richiederlo

Il contrassegno per poter usufruire del parcheggio per i disabili si può ottenere anche attraverso la Legge 104 ma l’automobilista deve rispettare un certo numero di requisiti per potervi poi accedere. Inoltre è necessario rispettare alcune linee guida e seguire uno specifico iter per ottenerlo. Ecco di cosa si tratta.

Il contrassegno del parcheggio per i disabili è un tagliando di colore blu che dura cinque anni e consente di poter usufruire del parcheggio specifico per persone affette da patologie o menomazioni di qualunque genere. A differenza di quanto accade per altri sgravi o agevolazioni, soltanto alcuni tipi di disabilità possono avere diritto al parcheggio riservato; non quindi quelle che rientrano nelle ‘quattro categorie’ di disabilità, ma solamente coloro che hanno gravi problemi legati alla deambulazione, come ad esempio amputazioni di qualunque genere o patologie invalidanti, o in alternativa gravi problemi alla vista.

Legge 104, usufruire del tagliando auto

In alternativa è possibile usufruire del tagliando anche se bisogna accompagnare a visite mediche frequenti e controlli costanti una persona disabile non autosufficiente; allo stesso tempo si può fare ricorso al contrassegno per disabili nel caso in cui un infortunio o una patologia porti ad una difficoltà di deambulazione a patto che sia permanente.

Per ottenere il tagliando è necessario rivolgersi all’Ufficio di Medicina Legale dell’Azienda Sanitaria Locale del proprio Comune, che rilascerà un certificato attestante la nostra invalidità. A questo punto bisognerà inoltrare la richiesta, ovviamente con il certificato in allegato, al proprio Comune di riferimento e a questo punto dovremo aspettare l’approvazione e successivamente quindi l’arrivo del tagliando.

In questo caso non ci sono assolutamente costi da sostenere per la persona che richiede di usufruire del parcheggio per disabili, almeno per quanto riguarda quello della durata di 5 anni. Se invece non lo richiederemo prolungato, dovremo sostenere degli specifici costi che ci saranno indicati al momento dell’approvazione.

Claudio Palmulli

Claudio Palmulli

Mi chiamo Claudio Palmulli, ho 28 anni e da quando sono nato non ho la possibilità di camminare. Anche se sono “diversamente abile” non mi sento diverso da nessuno e ho una gran voglia di combattere affinché le barriere architettoniche, che rendono me e gli altri prigionieri, cadano.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *