Svolta epocale: le Fiamme Gialle pubblicano il 1° bando per atleti paralimpici

Diversamente sportivi
fiamme gialle svolta

La fonte? Le Fiamme Gialle. Questa notizia molto interessante, che ha generato altrettanto scalpore, risale al 4 gennaio 2022 ed è stata pubblicata su diversi siti. 

Il bando prevede i requisiti e le relative modalità di accertamento della disabilità, la composizione della commissione giudicante, l’individuazione dei titoli da valutare e i punteggi massimi a essi attribuibili, nonché le modalità di formazione delle graduatorie uniche di merito.

In questo modo è stato rispettata appieno l’attuazione del Decreto Legislativo n. 36 del 28 febbraio 2021; nel quale è stata introdotta la normativa riguardante l’accesso dei disabili ai gruppi sportivi militari ed ai corpi civili dello Stato.

Interviste interessanti in merito alla notizia sulle Fiamme Gialle

Di notevole impatto sono state anche le parole del CIP (Presidente del Comitato Italiano Paralimpico) Luca Pancalli, che afferma: “Con grande emozione e soddisfazione” di aver appreso la notizia. Aggiunge anche che questo: “È il primo tassello di un percorso che consentirà da subito l’ingresso degli atleti paralimpici nei Gruppi Sportivi Militari e dei Corpi dello Stato. Un passo davvero importante per lo sport paralimpico italiano e per la nostra società, resa possibile grazie alla Riforma approvata nel 2021. Una conquista che rappresenta un importante salto in avanti dal punto di vista sociale e culturale e che pone il nostro Paese all’avanguardia nel mondo sul fronte dei diritti civili”.

Per circa venti anni le autorità competenti hanno rincorso questo sogno e hanno lavorato per trasformarlo in realtà. L’ingresso degli atleti paralimpici nei Corpi Militari e dello Stato ha sempre rappresentato uno degli obiettivi più importanti per il Comitato Paralimpico Italiano. Per il raggiungimento di questo traguardo hanno lavorato per lungo tempo tantissimi rappresentanti delle istituzioni ai quali è necessario esprimere un sincero è riconoscente ringraziamento. Luca Pancalli ringrazia ancora apertamente: “Il Comandante Generale della Guardia di Finanza e a tutti coloro che si sono adoperati per la stesura di questo importante provvedimento”.

Nel prossimo periodo saranno pubblicati i bandi degli altri Corpi. Un’altra barriera verrà dunque abbattuta e personalmente aggiungo finalmente! Sapete bene la mia missione, ovvero, quella di abbattere ogni tipo di barriera e venire a conoscenza di questa svolta mi ha riempito il cuore di gioia. A beneficiarne di questa piccola rivoluzione non saranno solo tante ragazze e tanti ragazzi con disabilità del nostro Paese, che potranno investire nei propri sogni e nella propria passione per lo sport, ma anche l’intera società che in questo modo investe nei principi di inclusione e di pari opportunità.

Oltre alle parole del Presidente Luca Pancalli mi piacerebbe condividere con voi anche le parole di Giusy Versace, atleta paralimpica e oggi parlamentare, prima firmataria della Proposta di Legge sulle pari opportunità degli atleti con disabilità fisiche e sensoriali nei Gruppi Sportivi Militari e Corpi dello Stato: “Si tratta di un primo importante segnale che, nell’anno dei trionfi di Tokyo 2020 e in vista delle Paralimpiadi invernali di Pechino 2022, restituisce ai nostri campioni il giusto riconoscimento e le necessarie garanzie a tutte le persone con disabilità che vogliano approcciarsi anche allo sport agonistico. Un segnale di crescita ed evoluzione culturale importante per gli atleti, per i gruppi sportivi, per il Comitato Paralimpico stesso e per l’intera società”.

 

Tags :
Share This :

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *